Il Documentario “La Forza del Silenzio” selezionato per Roma CinemaDoc.

Il nuovo Documentario, “La Forza del Silenzio”, del fotografo Salvatore Esposito è stato selezionato per il Roma CinemaDoc. 

Salvatore Esposito vince il “Premio Cinema Campania”.

Salvatore Esposito vince il “Premio Cinema Campania” come giovane regista campano che si è particolarmente distinto nell’ambiente cinematografico.

“La Cella Zero” vince al Sedicicorto International Film Fest.

“La Cella Zero” vince una Menzione Speciale come miglior Documentario al Sedicicorto International Film Festival nell’ambito della sezione CortoItalia.

“La Cella Zero” in concorso al Sedicicorto International Film Festival.

Il Documentario “La Cella Zero” è in concorso al Sedicorto Film Festival nell’ambito della selezione CortoItalia. Questo week-end a Forlì : http://www.sedicicorto.it/

“La Cella Zero” vince al Napoli Film Festival.

E’ con grande orgoglio annunciare che “La Cella Zero” vince al Napoli Film Festival il Premio “SchermoNapoli Doc 2015” – Premio Corriere del Mezzogiorno come miglior Reportage.

Il mio progetto “What is Missing” vince il Getty Images Grant.

Sono lieto di annunciare di essere tra i vincitori del  Getty Images Grant  al Visa pour l’Image, congratulazioni agli altri vincitori Javier Arcenillas , Matt Eich, Souvid Datta, Mojgan Ghambari. Grazie a tutti i giurati per questa opportunità: Cheryl Newman, Jon Jones, Matthias Krug, Romain Lacroix, Jean Francoise Leroy.

“La Cella Zero” vince il Salento Finubus Terrae International Film Festival.

“La Cella Zero” vince come Miglior Cortometraggio nella sezione Diritti Umani al Salento Finubus Terrae Film Festival.

“La Cella Zero” vince una Menzione d’Onore all’Ischia Film Festival.

Siamo molto orgogliosi che la giuria dell’Ischia Film Festival ha ritenuto che La Cella Zero dovesse avere una menzione speciale nella sezione Location Negata.

“La Cella Zero” tra i 21 finalisti del prestigoso premio L’Anello Debole.

Il dramma dei migranti al confine tra Africa e Europa; il mondo visto con gli occhi dei combattenti dell’Isis e di chi fugge dal califfato; il lavoro delle organizzazioni umanitarie per arginare la piaga dell’ebola; l’importanza del riciclo per una maggiore consapevolezza sulla sostenibilità ambientale, insieme alla denuncia di crimini ambientali poco conosciuti. E ancora le conseguenze della crisi economica su imprese e lavoratori, ma anche il lavoro come opportunità di inserimento sociale e di un nuovo equilibrio mentale; il carcere, l’adozione, la disabilità, con tutte le emozioni e gli affetti che si portano dietro.