Colmena

Colmena, dallo spagnolo significa “Alveare”. A Marigliano in provincia di Napoli esiste una Comena, un “Alveare”, ma non è come tutti gli altri. A Colmena le piccole api operose che dovrebbero costituire un alveare in realtà sono tutti minori a rischio della realtà napoletana. La Comunità Colmena infatti è una realtà che ospita minori che hanno commesso reati dell’area penale ed amministrativa e che da un magistrato vengono affidati alla comunità in sostituzione del carcere minorile. La Comunità come alternativa al carcere cerca di impartie degli insegnamenti ai ragazzi attrverso degli operatori che cercano non solo di fargli rispettare delle regole , ma anche di fargli capire che sono ancora in tempo per cambiare vita. Questi ragazzi provengono dai quartieri più popolari e disagiati di Napoli e della sua provincia. Hanno tutti della storie dure alle spalle, sono venuti su in posti difficili e la maggior parte di loro proviene da famiglie dove l’illecito è “il quotidiano”. Molti di loro hanno genitori in carcere ed in molti casi le famiglie vivono nella totale illegalità. I ragazzi che sono transitati per Colmena hanno commesso tutti i tipi di reato: spaccio, furto, rapina, tentato omocidio, ricettazione, rissa. E’ molto difficile ripartire da zero con questi ragazzi , ma Colmena con i suoi operatori cerca di tendergli una mano, di far capire cosa è giusto e cosa è sbagliato nella vita. Cosi tutti a lavoro nell’ “Alveare”. La mattina alcuni ragazzi vanno al laboratorio di falegnameria, chi è in affidamento al lavoro va in officina ed il pomeriggio bisogna frequentare la scuola. Tutti hanno gli stessi compiti nella casa, fare le pulizie, cucinare e lavare le stanze. Qui a Colmena la regola è di rigore perchè qui a Colmena ci si spera ancora che possa migliorare questa “malavita bambina”.

salvatore-esposito-reportage-COLMENA 01 salvatore-esposito-reportage-COLMENA 02
salvatore-esposito-reportage-COLMENA 03 salvatore-esposito-reportage-COLMENA 04